I DRONI STANNO DIVENTANDO LE PIU’ GRANDI MINACCE PER GLI AEREI JERUSALEM POST, 14 dicembre 2017 I DRONI STANNO DIVENTANDO LE PIU’ GRANDI MINACCE PER GLI AEREI JERUSALEM POST, 14 dicembre 2017

I DRONI STANNO DIVENTANDO LE PIU’ GRANDI MINACCE PER GLI AEREI

JERUSALEM POST, 14 dicembre 2017

“I droni sono molto molto pericolosi e possono danneggiare un aeromobile in modo molto grave, a seconda del peso del drone e della velocità dell’aereo.”

Un giorno, dopo che tutti i voli all’aeroporto Ben Gurion erano temporaneamente a terra o dirottati altrove a causa di un drone civile che stava volando in una determinata zona aerea, un esperto di aviazione affermò che i danni che i droni senza regole rappresentano per i voli commerciali stanno crescendo in modo esponenziale.


Martedì alle 21.45 un mezzo aereo non identificato senza pilota ha rappresentato “un rischio diretto per gli aerei”, provocando un ritardo di 15 minuti, ha detto poi l’autorità per l’aviazione mercoledì.

Sebbene non ci siano stati feriti, Neri Yarkoni, ex direttore generale dell’Autorità competente per l’Aviazione Civile, oltre che avvocato e pilota, ha affermato che i droni stanno diventando una minaccia per i voli in tutto il mondo.

“I droni sono molto molto pericolosi e possono danneggiare un aeromobile in modo molto grave, a seconda del peso del drone e della velocità dell’aereo”, dice.   

“In generale, se colpisce il motore, allora il motore è andato; se colpisce la cabina di pilotaggio, potrebbe rompere il vetro e uccidere i piloti.”

Inoltre, poiché i droni civili sono così piccoli, i piloti hanno grosse difficoltà nell’identificarli in volo, afferma Yarkoni.

“Non puoi vederli finché non ti colpiscono, perciò sono come degli armamenti antiaerei,” ha detto, solo parzialmente scherzando.

Mentre i droni civili sono pericolosi a basse altitudini, Yarkoni ha sottolineato che essi rappresentano un danno maggiore di notte o con un tempo nuvoloso ad altitudini più elevate.
“Quando decolli e atterri sei a bassa altitudine, perciò le chance di colpire un drone sono maggiori poiché i droni di solito non operano ad altitudini elevate, ma il pericolo ad alta quota è maggiore perché la velocità dell’aereo è maggiore”, egli afferma.
Sebbene i droni militari possano volare fino ad una quota di 12.000 metri, Yarkoni dice che sono sincronizzati con i radar per evitare possibili collisioni con i voli civili. I droni civili, avvisa, sono guidati da amatori e attualmente è quasi impossibile regolare la materia.

“Il pericolo arriva dagli amatori che li fanno volare per i loro propositi,” afferma, sottolineando che l’incidente di martedì sera non è limitato a Israele. 

“E diventerà sempre più pericoloso perché il prezzo dei droni si sta abbassando sempre più e stanno diventando sempre più facili da utilizzare e quindi anche i bambini sono in grado di farli volare.”

Yarkoni ha paragonato la rapida proliferazione dei droni civili con internet in termini di decentralizzazione e mancanza di controllo.
“Non si può controllare internet, allo stesso modo non si possono controllare i droni,” ha affermato.

Per rimediare al problema, Yarkoni sostiene, tutti i droni devono essere registrati con numeri seriali leggibili e identificabili e devono essere monitorati via radar con gli aeroporti da un database centrale computerizzato.  

“Non c’è un altro modo per creare un ambiente sicuro per i voli,” dice.

Nel frattempo, sebbene vi siano delle leggi nell’ambito dell’aviazione in Israele che vietano ai droni di volare nello spazio aereo commerciale, è quasi impossibile applicare le leggi senza un drone tracciabile, Yarkoni afferma.

“A meno che ci sia un sistema computerizzato per bloccare o neutralizzare i droni in anticipo, come per gli smartphones che sono tracciati in un certo modo, essi possono volare ovunque in qualsiasi momento,” ha ammonito.

“E’ un problema complesso con una soluzione semplice,” egli aggiunge. 

“Se fosse per me, ieri sarebbe stato l’ultimo giorno in cui i droni avrebbero potuto volare per mano degli amatori liberamente.”