La vigilanza del governo: la TSA non è all’altezza per ciò che concerne la sicurezza del perimetro aeroportuale. La vigilanza del governo: la TSA non è all’altezza per ciò che concerne la sicurezza del perimetro aeroportuale. La vigilanza del governo: la TSA non è all’altezza per ciò che concerne la sicurezza del perimetro aeroportuale CNN 31 maggio 2016

La vigilanza del governo: la TSA non è all’altezza per ciò che concerne la sicurezza del perimetro aeroportuale

CNN 31 maggio 2016

Washington (CNN) Un’agenzia di vigilanza del governo dice che la TSA è debole nella vigilanza della sicurezza del perimetro aeroportuale – e ciò potrebbe creare una vulnerabilità pericolosa per l’intero sistema dell’aviazione commerciale americana.

Secondo un rapporto pubblicato martedì la TSA non ha rinnovato le proprie raccomandazioni per affrontare le nuove potenziali minacce. Mentre gli aeroporti hanno la responsabilità quotidiana di assicurare il proprio perimetro, così come tutti i punti di accesso all’aeroporto, la TSA è responsabile per stabilire gli standard minimi che gli aeroporti devono seguire.

"La TSA non ha aggiornato questa valutazione per affrontare i cambiamenti del rischio in ambito aeroportuale, come può essere la minaccia interna – potenziali operatori aeroportuali disonesti/corrotti che sfruttano le loro credenziali, gli accessi e la conoscenza delle procedure di sicurezza dell’aeroporto per guadagno personale o per infliggere danni”, si dice nel rapporto.  

I dati della TSA mostrano che nell’arco di tempo 2009-2015 c’è stata una media annuale di 2.500 violazioni della sicurezza che ha coinvolto il perimetro aeroportuale e i punti d’accesso all’aeroporto – e sembra che la tendenza delle violazioni alla sicurezza siano in crescita.

La TSA sta raccogliendo i dati su ciò che sta accadendo nel paese, ma non sta analizzando i dati in modo efficiente, secondo il GAO.

Un funzionario del GAO ha detto alla CNN che ciò significa che l’agenzia potrebbe perdere dei trend della sicurezza e l’opportunità di cambiare o migliorare i requisiti per la sicurezza del perimetro aeroportuale.

Un portavoce della TSA, che non vuol essere nominato, ha detto che l’agenzia sta pianificando di applicare tutte le raccomandazioni GAO.

"Lo scorso anno la TSA ha fatto una serie di passi concreti per innalzare la sicurezza aeroportuale alla luce delle minacce in evoluzione, includendo la maggior parte delle linee guida recentemente emesse a febbraio 2015 per migliorare ulteriormente lo screening dei dipendenti aeroportuali nelle aree ad accesso limitato”, ha detto il portavoce alla CNN.

La TSA ha analizzato le violazioni alla sicurezza negli aeroporti maggiori, ma nell’insieme ha fatto quel tipo di analisi solo per il 19% dei 440 aeroporti delle nazioni negli anni che vanno dal 2009 al 2015. Spesso ha tagliato fuori gli aeroporti medio piccoli, ma il GAO ha scoperto che dal 2009 ci sono state più di 1.670 violazioni alla sicurezza in quegli stessi aeroporti che la TSA non ha analizzato.

Il rapporto Gao dice che l’agenzia deve fare un lavoro migliore nella verifica delle vulnerabilità della sicurezza aeroportuale in tutta la nazione. Se non lo farà ciò potrebbe creare una vulnerabilità che minaccia l’intero sistema dell’aviazione statunitense. Per esempio, se una violazione alla sicurezza consente che dell’esplosivo possa essere nascosto a bordo di un aereo in un aeroporto minore e quell’aereo vola verso un aeroporto maggiore, l’intero sistema è a rischio.

L’audit ricorda all’agenzia che la sicurezza aeroportuale è “un sistema di hub aeroportuali interdipendenti e la sicurezza di tutti è compromessa dalla sicurezza del più debole”.

La TSA ha detto che non ha sufficienti risorse per valutare le violazioni della sicurezza in tutti gli aeroporti americani, ma il rapporto GAO afferma che l’agenzia dovrebbe ciononostante lavorare meglio in modo da trovare dei modi per migliorare la sicurezza.  

"Altri approcci, come quello di fornire tutti gli aeroporti commerciali di uno strumento che possa testare la propria vulnerabilità, potrebbe consentire alla TSA di testare la vulnerabilità degli aeroporti in tutto il sistema aeroportuale”, ha detto.

Secondo l’audit la mancanza di una più approfondita analisi significa che la TSA non comprende veramente le minacce quotidiane negli aeroporti in tutta la nazione e di conseguenza non sa quali passi deve fare per migliorare la sicurezza.

Si il Dipartimento della Sicurezza Nazionale sia l’FBI hanno identificato la minaccia interna come la minaccia più preoccupante e urgente posta di fronte all’aviazione.

I membri del Congresso hanno richiesto una investigazione dopo diversi incidenti recenti in cui degli individui hanno avuto accesso ad aree ad accesso limitato di aeroporti commerciali e hanno viaggiato clandestinamente a bordo di aerei commerciali.  Ci sono stati anche incidenti di dipendenti aeroportuali che hanno usato le loro credenziali per nascondere armi e droga in aree ad accesso limitato dell’aeroporto o a bordo di aerei passeggeri.

Ad aprile del 2015 un 15enne ha presumibilmente scavalcato una rete del perimetro dell’Aeroporto Internazionale Mineta di San Jose, California, e ha viaggiato clandestinamente nel carrello di un aereo per le Hawaii. A dicembre del 2014 un addetto dei bagagli dell’Aeroporto Internazionale Hartsfield-Jackson di Atlanta, Georgia, ha presumibilmente usato le credenziali del suo badge per nascondere ripetutamente armi scariche e cariche nell’area d’imbarco passeggeri per la consegna ad un complice, che portava poi le armi su un aereo per New York.

Mentre continua l’investigazione su che cosa abbia abbattuto il volo 804 della Egypt Air, la possibilità di una minaccia interna rimane sul tavolo.

I membri del Congresso che hanno richiesto l’audit hanno affermato che le mancanze sottolineate riguardo al controllo della TSA implica una questione più grande.

"L’ esame minuzioso ai checkpoint degli aeroporti, ma non lungo il perimetro, è l’equivalente di chiudere a chiave le porte di casa e lasciare spalancate le finestre” afferma William Keating, Massachusetts. "Il GAO ha trovato che in molti casi le finestre sono aperte nei nostri aeroporti."